La mia vita con quattro figli: pro e contro di una famiglia numerosa.

Finalmente (dopo mesi) sono tornata a scrivere e, come annunciato in un video sulla pagina Facebook, vi voglio parlare della mia vita con tanti figli. Cercherò di rispondere ad alcune delle domande che mi vengono spesso poste dalle altre persone che guardano le famiglie numerose con occhi sgranati per lo stupore (diciamo così! Ahah!).

Avere una famiglia numerosa oggi è una scelta coraggiosa?

Nè io né mio marito ci sentiamo dei supereroi, semplicemente abbiamo assecondato il nostro desiderio di avere un figlio, poi due ,tre e infine quattro. Lui ha da sempre manifestato questo suo voler tanti figli, io mi sono trovata a condividere pian piano questa scelta. Ne avremo altri? Siamo “a posto così”? Noi abbiamo sempre accolto ogni figlio come un grande dono e così faremo ogni volta che ci troveremo a scegliere per la vita. Ci sono molti modi per essere madre e per essere genitore. La vita riserva sempre grandi sorprese se la accogliamo e assecondiamo.

Come vive una famiglia numerosa?

Semplicemente come tutte le altre famiglie. Ci si alza al mattino e c’è chi va al lavoro e chi a scuola. La piccola sta a casa con me. Durante il giorno cerco di svolgere le faccende di casa, anche se spesso devo interrompere ciò che sto facendo perché la mia bambina vuole attenzioni e devo sempre coinvolgerla. Quindi, capita che recuperi nel weekend quando mio marito è a casa.

Partecipiamo anche alla vita mondana, eh! Andiamo al cinema e usciamo come tutte le famiglie, stando attenti a scegliere dei luoghi adatti ad accoglierci tutti senza spendere mezzo stipendio.

Come ci si organizza e si gestisce il tutto?

Ecco. Sicuramente in una famiglia numerosa ci si deve organizzare molto ed essere efficienti. Ad esempio, gli armadi dei bambini hanno tutto diviso per tipologia di abbigliamento (parte invernale e parte estiva, pantaloni, magliette e felpe, ecc.) in modo che sappiano gestirsi da soli. Anche tutto ciò che riguarda l’igiene e la cura personale è a misura di bambino proprio per favorire la loro autonomia.

Per quanto riguarda la mia organizzazione, cerco ad esempio di cucinare sempre dei piatti equilibrati ma veloci e semplici da preparare. In casa ho dei giorni fissi (ma non troppo!) per fare le pulizie e cerco di non far accumulare troppe faccende. Non sempre ci riesco e a volte la mia casa sembra un porto di mare, soprattutto quando ho i bambini malati. Questo inverno, ad esempio, siamo stati malati ininterrottamente per un paio di mesi e davvero la casa era inguardabile. Cosa si fa in questi casi? Semplicemente non si fa tutto, ma solo quello che si riesce!

Si riesce a risparmiare e a concedersi qualche extra?

Il problema non è la famiglia numerosa, ma lo stile di vita che uno adotta. Sia io che mio marito non abbiamo mai sprecato soldi, anche prima di avere figli. Abbiamo sempre avuto una vita sociale, ci concediamo vacanze, cene o pranzi fuori, giornate fuori porta. Ma tutto nella semplicità.

Acquistiamo abiti se ne abbiamo bisogno (e nonostante questo spesso ci ritroviamo con cose in più di quelle che usiamo). Abbiamo una sola televisione in casa, che abbiamo messo in sala, ma per noi è sufficiente, non ne desideriamo una in camera ad esempio (e non vi dico le battute più che scontate che ci hanno detto al riguardo). Cerco di evitare cibi confezionati, preparando in casa tutto quello che riesco. Cerchiamo di non sprecare quello che abbiamo e di riutilizzare ciò che possediamo.

Anche per quel che riguarda i bambini, non ci siamo mai fatti prendere dallo shopping prima o dopo la loro nascita, ma abbiamo scelto con cura pochi oggetti. O meglio, con il primo figlio abbiamo seguito un po’ di consigli di amici e parenti, ma subito ci siamo resi conto che tante cose per noi erano superflue e così abbiamo raddrizzato il tiro con gli altri figli.

Questo è proprio il nostro stile di vita, attento a lasciare un’impronta sempre più lieve su questo nostro pianeta.

Quando partecipiamo a qualche evento o organizziamo una gita, prima passiamo in rassegna gli eventi gratuiti o che hanno un costo relativamente basso e vi assicuro che ce ne sono davvero di molto belli!

Insomma, avere tanti figli non significa dover sempre rinunciare a tutto!

Svantaggi e vantaggi dell’avere tanti figli.

In tutta sincerità, di svantaggi ne vedo pochi, se non che si deve comprare (e tenere in ordine) una casa relativamente spaziosa e grande (con tutte le spese che ne conseguono) e anche un’automobile adatta a tutta la famiglia.

Però c’è una cosa che mi innervosisce molto e cioè che spesso, quando si devono fare prenotazioni online, il limite massimo di figli che si possono inserire è nel migliore dei casi tre. Davvero questa cosa mi manda in bestia e lo trovo molto frustrante. Ci sentiamo esclusi, poco graditi in quel luogo. Insomma, si parte già con il piede sbagliato.

Nella nostra società, le famiglie numerose vengono viste quasi come un peso, si tende ad escluderle e questo succede spesso. Tutto è a misura di famiglie con due figli (date un’occhiata ai biglietti famiglia per gli ingressi ai parchi divertimento o a teatro, ad esempio, oppure alle confezioni famiglia nei supermercati). Ma noi non ci diamo per vinti e troviamo sempre una soluzione alternativa per fare quello che desideriamo!

I vantaggi che le famiglie numerose hanno sono moltissimi! C’è sempre qualcuno in casa disposto a dare una mano, qualcuno a cui raccontare la giornata, qualcuno con cui giocare e svolgere un’attività.

Si impara a stare insieme, ad accettare e adattarsi anche alle situazioni un po’ scomode, si impara a condividere, ad aiutare e a farsi aiutare. Ma anche a mettersi nei panni degli altri, ad accettare i pregi e i difetti propri e altrui. Si impara a ridere molto, a prendersi poco sul serio. A capire che la mia opinione può essere diversa dalla tua, ma non per questo vale di meno (o di più). Si impara molto, moltissimo. Anche ad apprezzare il silenzio, che in questa nostra società viene spesso visto come negativo. Ma il silenzio è oro! Come lo stare insieme.

Famiglie numerose ed eco-sostenibilità: è possibile?

Come sapete, questo blog ha un’anima green da sempre. Non a caso, uno dei primi post che ho scritto parlava delle sostanze nocive presenti negli indumenti dei bambini e come riconoscere i capi adatti a loro!

Da allora ne è passato di tempo, ma la mission non è cambiata. Anzi, da quando abbiamo tanti figli, crediamo fortemente che scegliere la strada del biologico e del sostenibile (quando possibile) sia la scelta migliore! Lo è per noi, per i nostri figli, per l’ambiente e anche per il portafoglio (sebbene all’apparenza possa sembrare il contrario).

Facciamo tante piccole azioni, ma che nel complesso fanno la differenza: al mercato o al supermercato portiamo le nostre borse di stoffa, cerchiamo di fare bene la raccolta differenziata, utilizziamo batterie ricaricabili, cerchiamo di acquistare giocattoli in legno o cartone evitando quelli in plastica o con le batterie. Accendiamo il riscaldamento o il condizionatore senza esagerare con le temperature, cerchiamo di utilizzare sempre detergenti, detersivi e cosmetici biodegradabili.

Eppure sentiamo che questo non basta più. Per questo sto cercando di insegnare ai miei bambini ad accorgerci di quanta plastica usa e getta venga utilizzata. Sto insegnando che l’acqua è un bene prezioso da non sprecare. Stiamo iniziando un cammino per ridurre i rifiuti che produciamo e per sostituire tutto ciò che è usa e getta con prodotti più duraturi. Ve ne parlerò prestissimo qui sul blog! Sarà un bel progetto fatto di tante piccole semplici azioni (come quelle descritte sopra!) ma che possono fare la differenza!

Hai una famiglia numerosa? Fatti intervistare!

Mi piacerebbe conoscere anche altre famiglie numerose per cogliere spunti sulla loro organizzazione e vedere quali piccole azioni compiono per mantenere il nostro mondo bello e pulito! Ho già una piccola lista di mamme e papà che vorrei intervistare, ma se anche tu hai piacere a condividere la tua storia, scrivimi a: labellatartaruga.info@gmail.com mettendo come oggetto della mail “intervista la mia famiglia numerosa”!

Voi avete una famiglia numerosa? Vi piacerebbe averne una? Se avete qualche domanda o curiosità sulle famiglie numerose, lasciate un commento qui sotto al post!

“Con questo articolo partecipo al concorso #unblogalmese del mese di aprile 2019 indetto dal blog www.trippando.it

10 risposte a “La mia vita con quattro figli: pro e contro di una famiglia numerosa.”

  1. Direi che condivido, da mamma di tre figli. Io non so se siamo già considerati un famiglia numerosa (a parte da chi ha un figlio solo, che ci guarda stranito) ed è molto faticoso ma non vorrei avere nessun figlio in meno! Diciamo che si impara s ottimizzare tutto ma anche ad adattarsi e gioire del fatto di essere insieme. Quanto alle interviste, se ritieni, io sono disponibile. Ben tornata! Io ero rimasta a quando avevi due figli..

  2. …scherzi vero…!!!!! Eccomiiiiiii

  3. Mi è piaciuto tantissimo questo tuo post perché è scritto con grande sincerità e perché sei una super mamma
    ❤️

    Abbiamo molto in comune su come viviamo, anche se noi qui siamo una piccola famiglia
    🙂

  4. Meravigliosa famiglia! Anche io come te mi sono trovata ad accettare l’idea di una famiglia numerosa , mio compagno l’ha sempre voluta. È appena nata la mia terza bimba , ma già vedo come sia più ricca e non incasinata come ti fanno credere le vecchie generazioni che avevano 7-8 tra fratelli e sorelle.

  5. Che belle, le famiglie numerose! Nonostante abbia solo due figli, noi in un certo senso lo siamo, perché siamo una famiglia allargata, come quelle di una volta.
    Comunque su una cosa mi hai fatto davvero riflettere: quella considerazione sui tre figli al massimo. Non ci avevo mai davvero badato…

    1. Purtroppo non lo si nota finché non ci tocca di persona, ma una soluzione alternativa si trova. Anche le famiglie allargate sono delle belle famiglie numerose! 🙂

  6. Io sono entusiasta della mia famiglia numerosa, ogni volta che guardo uno dei miei figli penso a quanto sarebbe più povero il mondo se non ci fosse uno di loro! Ciao!

    1. Anche io lo penso spesso! 🙂 Quando avevo meno figli, sentivo che alla nostra famiglia mancava qualcosa!

  7. Ciao! Io sono incinta del nostro quarto figlio (o figlia…surprise!) e mi ha fatto sorridere le battute sulla TV, noi ne abbiamo una, piccola, in sala che non accendiamo mai e con mai intendo che se va bene ci vediamo le Iene una volta a settimana o un DVD coi bambini nel weekend…ti lascio immaginare cosa non ci viene detto quando guardano il numero dei figli!
    Noi dovevamo fermarci a tre, poi dopo due anni di discussioni su pro e contro ci siamo buttati…ed ora, ancora incinta, penso che magari, perché no, pure 5 mica è male! ;P

    1. Ciao! Ma la sorpresa la scoprirai al momento del parto? Perché anche io non ho voluto sapere il sesso dei miei ultimi 2 figli ed è stata una grande emozione scoprirlo quando sono nati!
      Per la battuta sulla televisione, è un classico, non sai quante volte l’hanno fatta anche a noi. Ormai sorrido, annuisco e passo oltre.
      Per il quinto figlio posso solo dirti: che bello! 😉

Scrivi qui cosa ne pensi!